RSS

Angelo Musco

(Catania, 18 dicembre 1871 – Milano, 6 ottobre 1937) – Considerato il piu’ grande attore comico siciliano, oltre che il primo attore comico in Italia a passare dal teatro al cinema con lo stesso identico riscontro di pubblico e critica.

Nasce in una famiglia della piccola borghesia catanese e dopo aver trascorso l’adolescenza compiendo vari lavori (calzolaio, barbiere, etc.), nel 1899 si avvicina al teatro, entrando nella compagnia di Giovanni Grasso, celebre attore drammatico, le cui interpretazioni rielaborate in chiave comica furono il suo lavoro d’esordio.

Il successo fu immediato e il pubblico catanese comicia a considerare imperdibili le sue recite. Purtroppo i rapporti tra Musco e Grasso non furono idilliaci e ad un certo momento le strade professionali dei due si separarono.

Nei primi anni Dieci, Musco lavora con la compagnia di Marinella Bragaglia e poi, diventato capocomico, fonda la Comica Compagnia Siciliana del Cav. Angelo Musco. Gli inizi furono poco entusiasmanti e nel 1915 non mancarono le ipotesi di interruzione dell’attivita’.

Ma a meta’ dell’anno l’allestimento dello spettacolo “Paraninfu”, al teatro dei Filodrammatici di Milano, ottenne un (forse insperato) successo di critica oltre che di pubblico. E’ la svolta della carriera di Musco che da allora, vedendo riconosciute le sue qualita’ di interprete, inizia la collaborazione con i grandi autori, tra cui Pirandello e Martoglio. I testi (es. “La Patente”, “Pensaci Giacomino”, “Il berretto a sonagli”, “Liola’”) portati in palcoscenico erano spesso ancorati alla realta’ siciliana, e proponevano in chiave comica personaggi e situazioni specifiche della cultura isolana.

L’abilita’ di Musco e il valore degli autori erano tali da rendere questi testi, fin da allora, molto popolari anche in contesti geografici, e soprattutto culturali, differenti; caratteristica confermata dal successo e dai riconoscimenti tuttora riscontrati a livello internazionale.

Chi apprezza il genio interpretativo di Toto’ non potra’ far a meno di notare come gia’ Angelo Musco applicasse lo stesso metodo di rielaborazione del testo, con l’aggiunta di battute ed espressioni caratteristiche che aggiungevano originalita’.

Con Toto’, Angelo Musco – oltre a molte similitudini nella recitazione – ha in comune il film San Giovanni Decollato, che Toto’ interpreta all’inizio degli anni ’40, e che per il comico siciliano rappresento’ l’esordio cinematografico nel 1917. Al di la’ di questo, il passaggio di Musco al cinema avvenne negli anni Trenta.

Le pellicole da lui interpretate erano adattamenti cinematografici di commedie teatrali. La commedia “italiana”, come e’ intesa dalla maggior parte del pubblico, era ancora in fase di elaborazione, anche perche’ il genere per eccellenza del periodo era quello dei “telefoni bianchi” – la commedia sofosticata di ambientazione borghese o piccolo borghese – che aveva caratteristiche e funzioni che andavano al di la’ del contesto puramente cinematografico e si ricollegavano a un modello di societa’ gradito alla politica dell’epoca.

Nonostante questa condizione, a cui va aggiunta una non meno importante opera di censura, Angelo Musco riusci’ a ottennere al cinema notevole successo, rinnovando dal punto di vista professionale la figura dell’attore – in grado di passare dal teatro al cinema e viceversa – e soprattutto facendo sorridere da allora ad oggi tante generazioni.



I film con Angelo Musco:

  • San Giovanni decollato, regia di Telemaco Ruggeri (1917)
  • Cinque a zero, regia di Mario Bonnard (1932)
  • Paraninfo, regia di Amleto Palermi (1934)
  • L’eredità dello zio buonanima, regia di Amleto Palermi (1934)
  • Fiat voluntas dei, regia di Amleto Palermi (1935)
  • Lo smemorato, regia di Gennaro Righelli (1936)
  • Re di denari, regia di Enrico Guazzoni (1936)
  • L’aria del continente, regia di Gennaro Righelli (1936)
  • Pensaci Giacomino, regia di Gennaro Righelli (1937)
  • Gatta ci cova, regia di Gennaro Righelli (1937)
  • Il feroce Saladino, regia di Mario Bonnard (1937)

Alcune sequenze del film “L’eredità dello zio buonanima” (1934)


http://
> [Youtube = w http://www.youtube.com/watch?v=5IDaI6aU9vw = 640 h = 390]
 

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: