RSS

Leo Gullotta

Nato a Catania, nel 1946, recita fin da piccolo, come comparsa al Teatro Massimo Bellini di Catania, ma si è formato come attore dopo una lunga militanza nella Compagnia del Teatro Stabile di Catania, accanto a Turi Ferro e Salvo Randone, suoi compagni di palcoscenico nelle difficili rappresentazioni dei testi di Leonardo Sciascia, Jean-Paul Sartre e William Shakespeare.

Il teatro è un bel mondo, dove impara l’approccio all’arte drammatica, che esploderà in “Vaudeville” (1990) al Teatro Parioli di Roma, ma anche in “Il signor Popkin” con la regia di Patrick Rossi Gastaldi, portato in scena con una sua compagnia teatrale.

Prima di tutto questo, però, si trasferisce a Roma. È il 1979, quando comincia la sua lunga gavetta televisiva, spesso diretto da Pier Francesco Pingitore e soprattutto dal grandissimo Maurizio Zaccaro che lo vorrà nel ruolo del severissimo preside nella miniserie Cuore (2001) con Giulio Scarpati, Anna Valle e Antonella Ponziani e come zio Ermenegildo in Il bell’Antonio (2005) con Daniele Liotti e Andrea Osvárt, ma anche nelle fiction Cristallo di rocca (1999) e Al di là delle frontiere (2004) con Sabrina Ferilli e Johannes Brandrup.

La popolarità grazie al Bagaglino
Ma la popolarità maggiore arriva grazie a programmi come “Black Out” (197), ma soprattutto quando entrerà a far parte della Compagnia del Bagaglino, in varietà trasmessi da reti Rai e Fininvest (la vecchia Mediaset) come: “Biberon” (1989); “Crème Caramel” (1991); “Bucce di banana” (1994) e molti altri, all’interno del quale ha parodiato personaggi televisivi femminili (Maria De Filippi, Simona Ventura, Raffaella Carrà, Rosanna Cancellieri, Sandra Milo, Megan Gale, Manuela Arcuri, Susan Flannery) provocando da sempre l’ilarità del pubblico.

La carriera di doppiatore
Come doppiatore, ha prestato la sua voce a Joe Pesci, Christian Clavier, Burt Young, Tony Shalhoud, Paul Giamatti, Vincent Schiavelli, ma anche a cartoni animati come il panciuto gatto Tigre di Fievel sbarca in America; il mammuth Manfred nella saga di L’era glaciale e il pirata spaziale Yattaran in Capitan Harlock.

I FILM DI LEO GULLOTTA

  • Lo voglio maschio, regia di Ugo Saitta (1971)
  • Squadra antitruffa, regia di Bruno Corbucci (1977)
  • Ride bene… chi ride ultimo, regia di Pino Caruso (1977)
  • La soldatessa alla visita militare, regia di Nando Cicero (1977)
  • Rock’n roll, regia di Vittorio De Sisti (1978)
  • Café Express, regia di Nanni Loy (1980)
  • Stark System, regia di Armenia Balducci (1980)
  • I carabbimatti, regia di Giuliano Carnimeo (1981)
  • Teste di quoio, regia di Giorgio Capitani (1981)
  • I carabbinieri, regia di Francesco Massaro (1981)
  • L’onorevole con l’amante sotto il letto, regia di Mariano Laurenti (1981)
  • L’esercito più pazzo del mondo, regia di Marino Girolami (1981)
  • Testa o croce, regia di Nanni Loy (1982)
  • Il paramedico, regia di Sergio Nasca (1982)
  • Spaghetti House, regia di Giulio Paradisi (1982)
  • Sturmtruppen 2 – Tutti al fronte, regia di Salvatore Samperi (1982)
  • Giuseppe Fava: Siciliano come me, regia di Vittorio Sindoni (1984)
  • Mi manda Picone, regia di Nanni Loy (1984)
  • Mezzo destro, mezzo sinistro, regia di Sergio Martino (1985)
  • Il Bi e il Ba, regia di Maurizio Nichetti (1986)
  • Il camorrista, regia di Giuseppe Tornatore (1986)
  • Grandi magazzini, regia di Castellano e Pipolo (1986)
  • Animali metropolitani, regia di Steno (1987)
  • Italiani a Rio, regia di Michele Massimo Tarantino (1987)
  • Tango blu, regia di Alberto Bevilacqua (1987)
  • Nuovo cinema Paradiso, regia di Giuseppe Tornatore (1988)
  • Operazione pappagallo, regia di Marco Di Tillo (1988)
  • L’insegnante di violoncello, regia di Lorenzo Onorati (1989)
  • Sinbad of the Seven Seas, regia di Enzo G. Castellari, Tim Kincaid e, non accreditato, Luigi Cozzi (1989)
  • Scugnizzi, regia di Nanni Loy (1989)
  • Nel giardino delle rose, regia di Luciano Martino (1990)
  • Stanno tutti bene, regia di Giuseppe Tornatore (1990)
  • Agnieszka, regia di Diego Febbraro (1992)
  • Gole ruggenti, regia di Pier Francesco Pingitore (1992)
  • Pacco, doppio pacco e contropaccotto, regia di Nanni Loy (1993)
  • La scorta, regia di Ricky Tognazzi (1993)
  • Sì, ma vogliamo un maschio, regia di Giuliano Biagetti (1994)
  • Carogne – Ciro and me, regia di Enrico Caria (1995)
  • Selvaggi, regia di Carlo Vanzina (1995)
  • Uomini uomini uomini, regia di Christian De Sica (1995)
  • Palla di neve, regia di Maurizio Nichetti (1995)
  • L’uomo delle stelle, regia di Giuseppe Tornatore (1995)
  • Una donna in fuga, regia di Roberto Rocco (1996)
  • La scatola magica, regia di Federico Bruno (1996)
  • Bruno aspetta in macchina, regia di Duccio Camerini (1996)
  • 3, regia di Christian De Sica (1996)
  • Io, tu e tua sorella, regia di Salvatore Porzo (1997)
  • Il carniere, regia di Maurizio Zaccaro (1997)
  • Gli inaffidabili, regia di Jerry Calà (1997)
  • Simpatici e antipatici, regia di Christian De Sica (1998)
  • Un uomo perbene, regia di Maurizio Zaccaro (1999)
  • Oltremare – Non è l’America, regia di Nello Correale (1999)
  • Scarlet diva, regia di Asia Argento (2000)
  • Territori d’ombra, regia di Paolo Modugno (2000)
  • Vajont – La diga del disonore, regia di Renzo Martinelli (2001)
  • Turno di notte, regia di Carmen Giardina (2003)
  • In questo mondo di ladri, regia di Carlo Vanzina (2004)
  • Guardiani delle nuvole, regia di Luciano Odorisio (2004)
  • Monógamo sucesivo, regia di Pablo Basulto (2005)
  • Fatti della banda della Magliana, regia di Daniele Costantini (2005)
  • Incidenti, regia di Toni Trupia (2005)
  • Il naso, regia di Pietro Sussi (2006)
  • La sigaretta, regia di Cristiano Celeste (2007)
  • Baarìa, regia di Giuseppe Tornatore (2009)
  • Il padre e lo straniero, post-produzione, regia di Ricky Tognazzi (2010)
  • Cronache interrotte, pre-produzione, non confermato, regia di Pierluigi Bruno (2011)
  • Boogie Woogie, annunciato, regia di Anadrea Frazza (2011)
LEO GULLOTTA NEL “PIACERE DELL’ONESTA'”

In
 

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: