RSS

Leo Gullotta

Interprete drammatico ed esilarante cabarettista, Leo Gullotta si trova perfettamente a suo agio in ogni ruolo. Nato a Catania il 9 gennaio 1946 e cresciuto nel quartiere popolare del Fortino, Salvatore (questo il suo vero nome) muove i primi passi artistici presso il Teatro Stabile di Catania, sfruttando l’opportunità di apprendere l’arte della recitazione da maestri come Salvo Randone e Turi Ferro. 
Poi si trasferisce a Roma, ma con il cuore, sostiene, non abbandonerà mai la sua adorata Catania. Nella capitale lavora soprattutto nei cabaret, dove si impone con il suo irresistibile talento comico. Fin dagli anni Settanta diventa uno dei protagonisti più popolari del varietà televisivo italiano, amato dal pubblico per i suoi travestimenti, primo fra tutti quello della signora Leonida, e per le sue imitazioni di personaggi politici e dello spettacolo.

Nel frattempo lavora anche nel cinema, quasi sempre in pellicole commerciali, fino all’incontro con Nanny Loy, che segna la svolta nella sua carriera cinematografica. Con Loy ottiene ruoli di spessore in Cafè Express nel 1979, in Mi manda Picone nel 1983, conquistando il Nastro d’Argento come miglior attore non protagonista, e soprattutto in Scugnizzi nel 1989, dove affronta finalmente da protagonista un ruolo drammatico.

Con Giuseppe Tornatore Leo ha l’opportunità di dimostrare tutto il suo talento. Nel 1986 interpreta un ruolo in Il camorrista, film d’esordio del regista siciliano, che gli frutta un David di Donatello come miglior attore non protagonista.
Nel 1988, sempre diretto da Tornatore, commuove il pubblico di Nuovo Cinema Paradiso grazie ad una straordinaria interpretazione. Mentre in televisione continua a presentarsi al pubblico nelle vesti di comico insieme al clan del Bagaglino, al cinema continuano a susseguirsi i ruoli impegnati.

Nel 1992 è una pericolosa talpa in La scorta di Ricky Tognazzi, nel 1997 partecipa a Il carnieredi Maurizio Zaccaro e conquista un David di Donatello, nel 1999 in Un uomo per bene, sempre diretto da Zaccaro, è il pentito Panico e il ruolo gli vale l’ennesimo David.
Nel 2001, Leo Gullotta interpreta con successo Vajont di Renzo Martinelli ed inizia a mostrare il suo volto drammatico e intenso anche in tv, affrontando il ruolo dell’arcigno direttore scolastico nella fiction ‘Cuore’, tratta dal libro per l’infanzia di Edmondo De Amicis.

Ha spesso svolto anche l’attività di doppiatore, doppiando, tra gli altri, il personaggio di Paulie, interpretato da Burt Young, nel film Rocky, l’attore Joe Pesci in C’era una volta in America,Moonwalker e in Mio cugino Vincenzo e il regista Roman Polanski in Una pura formalità. Sua è la voce del computer Edgar nel film Electric Dreams e del robot Numero 5 nel film Corto circuito (film). Ha collaborato inoltre alle versioni italiane di due episodi di Scuola di polizia (il III e il IV), in cui doppiava il personaggio di Zed ( Bobcat Goldwait ). Ha anche doppiato il mammut Manfred (Manny) nei film d’animazione L’era glacialeL’era glaciale 2: il disgelo e L’era glaciale 3: L’alba dei dinosauri.

I FILM DI LEO GULLOTTA

  • Lo voglio maschio, regia di Ugo Saitta (1971)
  • Squadra antitruffa, regia di Bruno Corbucci (1977)
  • Ride bene… chi ride ultimo, regia di Pino Caruso (1977)
  • La soldatessa alla visita militare, regia di Nando Cicero (1977)
  • Rock’n roll, regia di Vittorio De Sisti (1978)
  • Café Express, regia di Nanni Loy (1980)
  • Stark System, regia di Armenia Balducci (1980)
  • I carabbimatti, regia di Giuliano Carnimeo (1981)
  • Teste di quoio, regia di Giorgio Capitani (1981)
  • I carabbinieri, regia di Francesco Massaro (1981)
  • L’onorevole con l’amante sotto il letto, regia di Mariano Laurenti (1981)
  • L’esercito più pazzo del mondo, regia di Marino Girolami (1981)
  • Testa o croce, regia di Nanni Loy (1982)
  • Il paramedico, regia di Sergio Nasca (1982)
  • Spaghetti House, regia di Giulio Paradisi (1982)
  • Sturmtruppen 2 – Tutti al fronte, regia di Salvatore Samperi (1982)
  • Giuseppe Fava: Siciliano come me, regia di Vittorio Sindoni (1984)
  • Mi manda Picone, regia di Nanni Loy (1984)
  • Mezzo destro, mezzo sinistro, regia di Sergio Martino (1985)
  • Il Bi e il Ba, regia di Maurizio Nichetti (1986)
  • Il camorrista, regia di Giuseppe Tornatore (1986)
  • Grandi magazzini, regia di Castellano e Pipolo (1986)
  • Animali metropolitani, regia di Steno (1987)
  • Italiani a Rio, regia di Michele Massimo Tarantino (1987)
  • Tango blu, regia di Alberto Bevilacqua (1987)
  • Nuovo cinema Paradiso, regia di Giuseppe Tornatore (1988)
  • Operazione pappagallo, regia di Marco Di Tillo (1988)
  • L’insegnante di violoncello, regia di Lorenzo Onorati (1989)
  • Sinbad of the Seven Seas, regia di Enzo G. Castellari, Tim Kincaid e, non accreditato, Luigi Cozzi (1989)
  • Scugnizzi, regia di Nanni Loy (1989)
  • Nel giardino delle rose, regia di Luciano Martino (1990)
  • Stanno tutti bene, regia di Giuseppe Tornatore (1990)
  • Agnieszka, regia di Diego Febbraro (1992)
  • Gole ruggenti, regia di Pier Francesco Pingitore (1992)
  • Pacco, doppio pacco e contropaccotto, regia di Nanni Loy (1993)
  • La scorta, regia di Ricky Tognazzi (1993)
  • Sì, ma vogliamo un maschio, regia di Giuliano Biagetti (1994)
  • Carogne – Ciro and me, regia di Enrico Caria (1995)
  • Selvaggi, regia di Carlo Vanzina (1995)
  • Uomini uomini uomini, regia di Christian De Sica (1995)
  • Palla di neve, regia di Maurizio Nichetti (1995)
  • L’uomo delle stelle, regia di Giuseppe Tornatore (1995)
  • Una donna in fuga, regia di Roberto Rocco (1996)
  • La scatola magica, regia di Federico Bruno (1996)
  • Bruno aspetta in macchina, regia di Duccio Camerini (1996)
  • 3, regia di Christian De Sica (1996)
  • Io, tu e tua sorella, regia di Salvatore Porzo (1997)
  • Il carniere, regia di Maurizio Zaccaro (1997)
  • Gli inaffidabili, regia di Jerry Calà (1997)
  • Simpatici e antipatici, regia di Christian De Sica (1998)
  • Un uomo perbene, regia di Maurizio Zaccaro (1999)
  • Oltremare – Non è l’America, regia di Nello Correale (1999)
  • Scarlet diva, regia di Asia Argento (2000)
  • Territori d’ombra, regia di Paolo Modugno (2000)
  • Vajont – La diga del disonore, regia di Renzo Martinelli (2001)
  • Turno di notte, regia di Carmen Giardina (2003)
  • In questo mondo di ladri, regia di Carlo Vanzina (2004)
  • Guardiani delle nuvole, regia di Luciano Odorisio (2004)
  • Monógamo sucesivo, regia di Pablo Basulto (2005)
  • Fatti della banda della Magliana, regia di Daniele Costantini (2005)
  • Incidenti, regia di Toni Trupia (2005)
  • Il naso, regia di Pietro Sussi (2006)
  • La sigaretta, regia di Cristiano Celeste (2007)
  • Baarìa, regia di Giuseppe Tornatore (2009)
  • Il padre e lo straniero, post-produzione, regia di Ricky Tognazzi (2010)
LEO GULLOTTA  – IL PIACERE DELL’ONESTA’

http://
tt
http://
http://
Annunci
 

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: