RSS

Rosina Anselmi

(Caltagirone, 26 luglio 1880 – Catania, 23 maggio 1965)
Fin dall’infanzia recitò nei paesi e nelle città siciliane con la compagnia del padre Alessandro e della madre, con altri sei fratelli.

La sola a primeggiare fu lei, in un ambiente molto povero e privo di mezzi, rivelandosi fra l’altro nelle farse improvvisate dopo la rappresentazione dell’Opera dei pupi di Gregorio Grasso a Catania. Grazie alla maestosa corporatura e alla sua prorompente ironia, si evidenziò come caratterista, capace di recitare a soggetto, come fece quando, nel 1914, venne scritturata nella Compagnia di Angelo Musco, del quale fu collaboratrice ideale, in una perfetta sintonia di invenzioni e vis comica. Scomparso Musco, fa dal 1938 con Michele Abbruzzo.

Fu anche interprete di alcuni film, perlopiù del repertorio siciliano. 


I film di Rosina Anselmi

  • San Giovanni decollato, regia di Telemaco Ruggeri (1917)
  • L’eredità dello zio buonanima, regia di Amleto Palermi (1934)
  • Paraninfo, regia di Amleto Palermi (1934)
  • Milizia territoriale, regia di Mario Bonnard (1935)
  • Aldebaran, regia di Alessandro Blasetti (1935)
  • Lohengrin, regia di Nunzio Malasomma (1935)
  • L’aria del continente, regia di Gennaro Righelli (1935)
  • Re di denari, regia di Enrico Guazzoni (1936)
  • Gatta ci cova, regia di Gennaro Righelli (1937)
  • Lasciate ogni speranza, regia di Gennaro Righelli (1937)
  • Il feroce Saladino, regia di Mario Bonnard (1937)
  • L’ha fatto una signora, regia di Mario Mattoli (1938)
  • Il marchese di Ruvolino, regia di Raffaello Matarazzo (1939)
  • La donna è mobile, regia di Mario Mattoli (1942)
Alcune sequenze tratte dal film “L’Eredità dello zio buonanima”


http://
Annunci
 

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: