RSS

Salvo Randone

Salvo (Salvatore) Randone nasce a Siracusa il 25 settembre 1906  .

Sulle scene dal 1926, s’impose negli anni Quaranta recitando Il lutto s’addice a Elettra di O’Neill.

Attore inquieto e sanguigno, ha impersonato tra l’altro con memorabili risultati Iago e Timone d’Atene, Malvolio ed Edipo, Filottete e Oreste ed è stato soprattutto uno straordinario interprete dei più torbidi drammi di Betti e del teatro di Pirandello (Enrico IVIl piacere dell’onestàTutto per bene).

Ha sempre alternato la conduzione di una propria compagnia a occasionali partecipazioni in teatri stabili e in spettacoli d’eccezione.

Nel 1970 ha sposato l’attrice Neda Naldi.

E’ morto a Roma il 6 marzo 1991


I film piu’ celebri di Salvo Randone:

  • Sant’Elena, piccola isola, regia di Umberto Scarpelli e Renato Simoni (1943)
  • Cuore, regia di Duilio Coletti (1948)
  • Una lettera all’Alba, regia di Giorgio Bianchi (1948)
  • Il bigamo, regia di Luciano Emmer (1956)
  • Vento del sud, regia di Enzo Provenzale (1959)
  • Il re di Poggioreale, regia di Duilio Coletti (1961)
  • L’assassino, regia di Elio Petri (1961)
  • I Masnadieri, regia di Mario Bonnard (1961)
  • I giorni contati, regia di Elio Petri (1962)
  • Salvatore Giuliano, regia di Francesco Rosi (1962)
  • Anni ruggenti, regia di Luigi Zampa (1962)
  • Cronaca familiare, regia di Valerio Zurlini (1962)
  • La parmigiana, regia di Antonio Pietrangeli (1963)
  • Un marito in condominio, regia di Angelo Dorigo (1963)
  • Il criminale, regia di Marcello Baldi (1963)
  • Il processo di Verona, regia di Carlo Lizzani (1963)
  • Le mani sulla città, regia di Francesco Rosi (1963)
  • Danza macabra, regia di Antonio Margheriti (1964)
  • La donna del lago, regia di Luigi Bazzoni e Franco Rossellini (1965)
  • Il magnifico cornuto, regia di Antonio Pietrangeli (1965)
  • La decima vittima, regia di Elio Petri (1965)
  • La fabbrica dei soldi, regia di Jean-Claude Roy (1966)
  • Io, io, io… e gli altri, regia di Alessandro Blasetti (1966)
  • A ciascuno il suo, regia di Elio Petri (1967)
  • I diamanti che nessuno voleva rubare, regia di Gino Mangini (1968)
  • Tre passi nel delirio – episodio Toby Dammit, regia di Federico Fellini (1968)
  • L’età del malessere, regia di Giuliano Biagetti (1968)
  • Gli intoccabili, regia di Giuliano Montaldo (1968)
  • Fellini Satyricon, regia di Federico Fellini (1969)
  • Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, regia di Elio Petri (1970)
  • Ninì Tirabusciò, la donna che inventò la mossa, regia di Marcello Fondato (1970)
  • Stress, regia di Corrado Prisco (1971)
  • Cose di Cosa Nostra, regia di Steno (1971)
  • Il prete sposato, regia di Marco Vicario (1971)
  • La classe operaia va in paradiso, regia di Elio Petri (1971)
  • Imputazione di omicidio per uno studente, regia di Mauro Bolognini (1972)
  • La colonna infame, regia di Nelo Risi (1972)
  • La Calandria, regia di Pasquale Festa Campanile (1972)
  • La prima notte di quiete, regia di Valerio Zurlini (1972)
  • Mio caro assassino, regia di Tonino Valerii (1972)
  • Il caso Pisciotta, regia di Eriprando Visconti (1972)
  • La proprietà non è più un furto, regia di Elio Petri (1973)
  • Il poliziotto è marcio, regia di Fernando Di Leo (1974)
  • In nome del Papa Re, regia di Luigi Magni (1977)
Salvo Randone in una scena del film “Indagine di un cittadino al di sopra di ogni sospetto”
http://
http://
http://
Annunci
 

I commenti sono chiusi.