RSS

Saro Urzì

Saro Urzì, pseudonimo di Rosario Urzì, nasce a  Catania il 24 febbraio 1913 

Lasciata la natìa Sicilia in cerca di fortuna, dopo aver svolto in gioventù varie attività, approda a Roma dove comincia a lavorare nel cinema, dapprima come comparsa e poi come attore in particine marginali in diversi film degli anni trenta e quaranta, affinando il suo personaggio di caratterista siciliano, talvolta sanguigno e collerico, ma dotato di una grande carica umana.

Nel 1949 Saro Urzì viene scelto per interpretare il personaggio del brigadiere nel film In nome della legge, e sul set si crea tra il regista e l’attore un’intesa che porterà Urzì ad essere presente in molte delle pellicole girate da Pietro Germi, in cui sosterrà ruoli sempre più importanti, fino ad interpretare in Sedotta e abbandonata il personaggio del collerico e autoritario patriarca don Ascalone.

La sua interpretazione nel film In nome della legge gli consente di vincere il Nastro d’Argento nel 1948 quale miglior attore non protagonista. Successivamente il suo ruolo nel film Sedotta e abbandonata gli frutta il premio come migliore attore al Festival del Cinema di Cannes del 1964, nonché un secondo Nastro d’Argento nel 1965.

Negli anni sessanta e settanta presta il suo volto e le sue inconfondibili caratterizzazioni in numerosi film, di cui però ben pochi sono degni di nota. Ha partecipato ai primi cinque film della saga di Don Camillo e Peppone, nei panni del Brusco. È stato tra l’altro l’unico attore ad apparire nel film Il padrino del 1972, diretto da Francis Ford Coppola e tratto dall’omonimo romanzo di Mario Puzo, e nella parodia dello stesso film Il figlioccio del Padrino, girato nel 1973 da Mariano Laurenti, al fianco di Franco Franchi.

Muore a  San Giuseppe Vesuviano, 1º novembre 1979


I Film di Saro Urzi’:

  • La conquista dell’aria, regia di Romolo Marcellini (1939)
  • Il sogno di Butterfly, regia di Carmine Gallone (1939)
  • Senza cielo, regia di Alfredo Guarini (1940)
  • La compagnia della Teppa, regia di Corrado D’Errico (1941)
  • Pia de’ Tolomei, regia di Esodo Pratelli (1941)
  • Tosca, regia di Carlo Koch (1941)
  • Giorno di nozze, regia di Goffredo Alessandrini (1942)
  • Odessa in fiamme, regia di Carmine Gallone (1942)
  • Un colpo di pistola, regia di Renato Castellani (1942)
  • La locandiera, regia di Luigi Chiarini (1943)
  • Harlem, regia di Carmine Gallone (1943)
  • Inviati speciali, regia di Romolo Marcellini (1943)
  • Campo de’ fiori, regia di Mario Bonnard (1943)
  • La freccia nel fianco, regia di Alberto Lattuada (1944)
  • Tombolo, paradiso nero, regia di Giorgio Ferroni (1947)
  • Gente così, regia di Fernando Cerchio (1948)
  • Emigrantes, regia di Aldo Fabrizi (1948)
  • Patto col diavolo, regia di Luigi Chiarini (1948)
  • In nome della legge, regia di Pietro Germi (1948)
  • Barriera a settentrione, regia di Luis Trenker (1949)
  • Monastero di Santa Chiara, regia di Mario Sequi (1949)
  • La mano della morta, regia di Carlo Campogalliani (1949)
  • Lo sparviero del Nilo, regia di Giacomo Gentilomo (1949)
  • I falsari, regia di Franco Rossi (1950)
  • Il cammino della speranza, regia di Pietro Germi (1950)
  • Ho sognato il paradiso, regia di Giorgio Pastina (1950)
  • Il monello della strada, regia di Carlo Borghesio (1950)
  • Fuoco nero, regia di Silvio Siano (1951)
  • Il bivio, regia di Fernando Cerchio (1951)
  • La vendetta del corsaro, regia di Primo Zeglio (1951)
  • Cronaca di un delitto, regia di Mario Sequi (1951)
  • Don Camillo, regia di Julien Duvivier (1952)
  • Il brigante di Tacca del Lupo, regia di Pietro Germi (1952)
  • Trieste mia, regia di Mmario Costa (1952)
  • Una madre ritorna, regia di Roberto Bianchi Mmontero (1953)
  • Il ritorno di Don Camillo, regia di Julien Duvivier (1953)
  • Rivalità, regia di Giuliano Biagetti (1953)
  • Il tesoro dell’Africa, regia di John Huston (1953)
  • I cinque dell’Adamello, regia di Pino Mercanti (1954)
  • Pane, amore e gelosia, regia di Luigi Comencini (1954)
  • Opinione pubblica, regia di Maurizio Corgnati (1954)
  • Don Camillo e l’onorevole Peppone, regia di Carmine Gallone (1955)
  • Il motivo in maschera, regia di Stefano Canzio (1955)
  • La ladra, regia di Mario Bonnard (1955)
  • Il ferroviere, regia di Pietro Germi (1956)
  • I fidanzati della morte, regia di Romolo Marcellini (1956)
  • Dinnanzi a noi il cielo, regia di Roberto Savarese (1957)
  • Liana la schiava bianca, regia di Herman Leitner (1957)
  • Un maledetto imbroglio, regia di Pietro Germi (1958)
  • L’uomo di paglia, regia di Pietro Germi (1958)
  • Il figlio del Corsaro Rosso, regia di Primo Zeglio (1958)
  • Nella città l’inferno, regia di Renato Castellani (1958)
  • Romarey:operazione Mazaref, regia di Harald Reinl (1959)
  • Gli avventurieri dei tropici, regia di Sergio Bergonzelli (1960)
  • Le femmine seminano il vento, regia di Louis Soulanes (1960)
  • Cavalcata selvaggia, regia di Piero Pierotti (1960)
  • Don Camillo monsignore ma non troppo, regia di Carmine Gallone (1961)
  • Passaporto falso, regia di Pierre Montazel (1961)
  • Un giorno da leoni, regia di Nanni Loy (1961)
  • Lo sgarro, regia di Silvio Siano (1962)
  • Sedotta e abbandonata, regia di Pietro Germi (1964)
  • Divorzio alla siciliana, regia di Enzo Di Gianni (1963)
  • Il compagno Don Camillo, regia di Luigi Comencini (1965)
  • Ossessione nuda, regia di Marcel Camus (1965)
  • Missione Caracas, regia di Raoul Andrè (1965)
  • Io, io, io… e gli altri, regia di Alessandro Blasetti (1965)
  • Una storia di notte, regia di Luigi Petrini (1966)
  • Modesty Blaise, la bellissima che uccide, regia di Joseph Losey (1966)
  • La ragazza della notte, regia di Marcel Camus (1967)
  • Criminal story, regia di Claude Chabrol (1967)
  • Gente d’onore, regia di Folco Lulli (1967)
  • Serafino, regia di Pietro Germi (1968)
  • La prima notte del dottor Danieli, industriale col complesso del… giocattolo, regia di Giovanni Grimaldi (1970)
  • Principe coronato cercasi per ricca ereditiera, regia di Giovanni Grimaldi (1970)
  • Un caso di coscienza, regia di Giovanni Grimaldi (1970)
  • Le inibizioni del dottor Gaudenzi, vedovo, col complesso della buonanima, regia di Giovanni Grimaldi (1971)
  • Torino nera, regia di Carlo Lizzani (1972)
  • Il Padrino, regia di Francis Ford Coppola (1972)
  • Alfredo, Alfredo, regia di Pietro Germi (1972)
  • Il caso Pisciotta, regia di Eriprando Visconti (1972)
  • Il figlioccio del padrino, regia di Mariano Laurenti (1973)
  • Sgarro alla camorra, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1973)
  • Il sergente Rompiglioni… diventa caporale, regia di Mariano Laurenti (1975)
  • Giovannino, regia di Paolo Nuzzi (1976)
  • Occhio alla vedova!, regia di Sergio Pastore (1976)
ALCUNE SEQUENZE DAL FILM  “IL FERROVIERE”


http://
http://
http://
http://
Annunci
 

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: