RSS

Grande, grosso e Verdone

Il 3^ episodio è stato girato a Taormina

Anno 2008
Durata 135 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Carlo Verdone
Soggetto Carlo Verdone, Piero De Bernardi,Pasquale Plastino
Sceneggiatura Carlo Verdone, Piero De Bernardi,Pasquale Plastino
Produttore Aurelio De Laurentiis, Luigi De Laurentiis
Casa diproduzione Filmauro
Distribuzione(Italia) Luigi e Aurelio De Laurentiis
Interpreti e personaggi
  • Carlo Verdone: (Leo Nuvolone, prof. Callisto Cagnato, Moreno Vecchiarutti, l’onorevole)
  • Claudia Gerini: Enza Sessa in Vecchiarutti
  • Eva Riccobono: Blanche Duvall
  • Geppi Cucciari: Tecla
  • Emanuele Propizio: Steven Vecchiarutti
  • Andrea Miglio Risi: Severiano Cagnato
  • Martina Pinto: Lucilla Diotiallevi
  • Roberto Farnesi: Fabio Muso
  • Anna Maria Torniai: Olga, la governante
  • Clizia Fornasier: Irene
  • Massimo Marino: Impiegato delle Pompe Funebri
  • Alex Di Fede: Sisto
  • Ioulia Jiveinova: Teodora
  • Vincenzo Fiorillo: Clemente
  • Stefano Natale: Guerrino Nuvolone
  • Daniela Russo
  • Tatiana Antipova
  • Maurizio Bavaresco
  • Dalila Sanguigni
Premi
  • Nastri d’argento 2008: Nastro dell’anno

 

Trama dell’episodio girato in Sicilia

Il terzo episodio del film ha come protagonista la coppia Vecchiarutti, Moreno ed Enza, rivenditori di apparecchi e servizi di telefonia mobile, prototipi dei coatti che, in piena crisi familiare, decidono di fare una vacanza a Taormina su consiglio del loro psicologo – anche egli coatto – nel tentativo di riappacificarsi: nell’albergo di lusso in cui alloggiano si troveranno però immersi in un ambiente sociale molto diverso dal loro, e dovranno fare i conti con la riprovazione degli altri ospiti di fronte alle loro continue cadute di gusto (Moreno, per ostentare le sue buone condizioni economiche, distribuisce continuamente cospicue mance senza motivo; Enza si presenta in piscina con un costume succinto; entrambi i coniugi usano costantemente un tono di voce molto alto e appaiono incapaci di separarsi dal cellulare).

I Vecchiarutti cercano di ricostruire il rapporto col figlio Steven, come loro rozzo e maleducato, e che parla così poco che per dire sì mostra un cartellino verde e per dire no ne mostra uno rosso. Il ragazzo è un patito di calcio: diffidato poiché tira le monete contro l’arbitro e i suoi assistenti, riesce a conoscere Mirco Crestadoro, ex attaccante primavera della Roma approdato al Galatasaray dopo essere stato condannato per aver truccato delle partite.

Crestadoro è inseparabile amico di Fabio Muso, protagonista di un reality show e idolo di Enza. La donna allaccia un rapporto con Fabio che sembra sul punto di sfociare in una tresca, fin quando, su un cabinato al largo, i due amici le propongono un rapporto a tre.

La donna, disgustata, sfuggirà in maniera rocambolesca buttandosi in mare. Anche Moreno si invaghisce di una raffinatissima straniera, Blanche Duval, chiamata dispregiativamente “dama bianca” da Enza e “cicognona” da Steven.

Tra i due nasce un’amicizia, ma dopo un po’ la donna spezza l’incantesimo, esponendo con freddezza il proprio tariffario a Moreno e rivelandosi una prostituta d’alto bordo. Alla fine, dopo la nascita di una tenera amicizia tra Steven e una commessa dell’albergo ed il miracoloso salvataggio di Enza, la famiglia Vecchiarutti può tornare a essere unita.

IL TRAILER


Grande, grosso e Verdone
Grande, grosso e Verdone
Grande, grosso e Verdone
Annunci
 

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: