RSS

Rosso Malpelo

Girato nel Parco Minerario Floristella-Grottacalda (Enna)
Titolo originale Rosso Malpelo
Lingua originale Siciliano
Paese Italia
Anno 2007
Durata 90′
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Pasquale Scimeca
Soggetto Pasquale Scimeca (dalla novella di Giovanni Verga)
Sceneggiatura Pasquale Scimeca, Nennella Buonaiuto
Produttore Rosa Scimeca
Casa diproduzione Arbash, Ente Parco Minerario Floristella-Grottacalda
Distribuzione(Italia) Arbash
Fotografia Giulio Azzarello
Montaggio Babak Karimi
Effetti speciali Stefano Camberini
Musiche Miriam Meghnagi
Scenografia Paolo Previti
Costumi Grazia Colombini
Trucco Roberto Pastore
Interpreti e personaggi
  • Antonio Ciurca: Malpelo
  • Omar Noto: Ranocchio
  • Vincenzo Albanese: Zù Momma
  • Marcello Mazzarella: Mastro Misciu
  • Raffaella Esposito: Santina
  • Attilio Ferrara: ingegnere
  • Alessandra Leanza: Annetta
  • Alice Iacopelli: bambina
  • Maurizio Battista: picconiere
  • Marinella Compagnone: mamma di Ranocchio
  • Gaspare Cucinella: mendicante
  • Melino Imparato: mendicante
  • Sara Favarò: cantante
  • Rosario Minardi: papà di Ranocchio
  • Lucia Sardo: nonna
  • Franco Scaldati: mendicante

La trama segue integramente la novella omonima di Giovanni Verga. Rosso Malpelo, così chiamato per via del colore dei capelli, è un ragazzo di campagna che è costretto a lavorare nella cava dove, in precedenza morì il padre a causa di un incidente.

Dopo quel giorno, Malpelo divenne violento e visse di stenti. La madre quando lui torna a casa, lo picchia per avere i suoi soldi e la sorella non gli dà la minima attenzione. Un giorno mentre Malpelo è a lavorare alla cava conosce Ranocchio, un ragazzetto pressappoco più giovane di lui. Per insegnargli una lezione di vita, Malpelo picchia Ranocchio per insegnargli a difendersi.

In uno dei tanti giorni che Malpelo deve andare a lavorare alla cava, non trova Ranocchio. Allora va a casa sua e trova la madre inginocchiata al capezzale di morte nel quale giace il corpo di Ranocchio, morto per una forte Tubercolosi.

Quando torna a casa vede la madre che sta facendo le valigie insieme alla sorella per andarsene in un’altra città per la enorme vergogna nei confronti di Malpelo. Malpelo adesso è solo, lacero, violento. Il giorno a seguire, Malpelo viene scelto per un incarico perisoloso: Entrare nei cunicoli delle montagne, dalle quali poi non usci perché morì asfissiato.

Da allora si teme che il fantasma di Rosso Malpelo si aggiri portando rabbia e odio.

IL TRAILER

 

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: