RSS

Giovanni Falcone

Girato a Palermo e Provincia
Titolo originale Giovanni Falcone
Paese Italia
Anno 1993
Durata 124 min
Colore Colore
Audio sonoro
Genere drammatico, storico
Regia Giuseppe Ferrara
Soggetto Armenia Balducci, Giuseppe Ferrara
Sceneggiatura Armenia Balducci, Giuseppe Ferrara
Produttore Giovanni Di Clemente
Fotografia Claudio Cirillo
Montaggio Ruggero Mastroianni
Musiche Pino Donaggio
Scenografia Nino Formica
Interpreti e personaggi
  • Michele Placido: Giovanni Falcone
  • Anna Bonaiuto: Francesca Morvillo
  • Massimo Bonetti: Ninni Cassarà
  • Nello Riviè: Rocco Chinnici
  • Gianni Musy: Tommaso Buscetta
  • Marco Leto: Antonino Caponnetto
  • Giancarlo Giannini: Paolo Borsellino
  • Paolo De Giorgio: Calogero Zucchetto
  • Antonio Cantafora: Totuccio Inzerillo
  • Pietro Biondi: Il Dottore (Bruno Contrada)
  • Antonio D’Agata: Totuccio Contorno
  • Fabrizio Gifuni: Roberto Antiochia
  • Gianfranco Barra: Vincenzo Geraci
  • Roberto Nobile: giudice Di Pisa
  • Arnaldo Ninchi: Salvo Lima
  • Giampiero Bianchi: Claudio Martelli
  • Giovanni Pallavicino: Vito Ciancimino
  • Luigi Angelillo: Ignazio Salvo
  • Giacinto Ferro: Antonino Meli
  • Francesco Bellomo: Francesco Marino Mannoia
  • Giovanni Boncoddo: giudice
  • Ivana Monti: Marcelle Padovani
  • Gabriella Saitta: moglie (in seguito vedova) di Ignazio Lo Presti

Narra della storia vera del giudice Giovanni Falcone, i suoi ultimi anni di lavoro (si parla degli anni 1981-1992), della lotta contro la mafia, che lo porterà a perdere la vita nella strage di Capaci, il 23 maggio 1992.

Nel film si assiste a tutti gli elementi più importanti della sua attività, dall’uccisione dei boss Bontade e Inzerillo alla seconda guerra di mafia, dall’assassinio del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa fino alla collaborazione con Rocco Chinnici.

Si intravede anche la Cupola mafiosa, la morte di Ninni Cassarà (ispettore della polizia giudiziaria di Palermo, collaboratore di Falcone), gli interrogatori dei pentiti, tra cui quello condotto verso Tommaso Buscetta, che rivelò diversi segreti di Cosa nostra ma non tutti, e lo smantellamento del gruppo e l’incarico al ministero di Grazia e Giustizia come direttore generale per gli affari penali ed infine la strage di Capaci e quella di via d’Amelio, in cui perde la vita il collega Paolo Borsellino.

IL FILM COMPLETO 

 

I commenti sono chiusi.