RSS

5 – La gita a Tindari

Che collegamento può esserci tra un laido personaggio pornografo e “femminaro” che viene ucciso sul portone di un palazzo e la scomparsa, nello stesso condominio, di due inseparabili vecchietti, i signori Griffo che, abituati da sempre a starsene rinchiusi in casa, decidono invece di partecipare ad una di quelle gite “tutto compreso”, a poco prezzo dove durante il percorso si vendono meravigliose pentole? Che cosa può esserci a Tindari che li ha spinti ad andarci? E che fine hanno fatto?

Sarà Beatrice, detta “Beba”, la bella giovane che diverrà nel romanzo successivo L’odore della notte, la moglie dell’amico e vice commissario Mimì Augello, che darà al commissario il primo indizio sul caso. L’accompagnatrice e venditrice gli racconta infatti che durante la gita venivano fatte dall’autista del pullman turistico delle foto ricordo che ingrandite faranno notare al commissario la presenza di un’ auto che seguiva il pullman con i due vecchi coniugi seduti in disparte nell’ultima fila di posti.

I due coniugi, si scoprirà in seguito, sono stati uccisi, mano nella mano, in una lontana campagna secondo uno stile di esecuzione mafiosa. Ma che c’entra la mafia con i due vecchietti?

Attori:     Luca Zingaretti (Salvo Montalbano), Cesare Bocci (Mimì Augello), Davide Lo Verde (Galluzzo), Peppino Mazzotta (Fazio), Angelo Russo (Catarella), Francesco Stella (Gallo), Katharina Böhm (Livia Burlando) 
Regia:        Alberto Sironi 

.

Annunci
 

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: